A far data dal 25 maggio 2018 ha trovato applicazione il nuovo regolamento generale dell’Unione Europea in tema di protezione dei dati personali (GDPR) che, unitamente alla disciplina italiana di armonizzazione (D.Lgs. 101/2018), ha profondamente innovato la materia.

La nuova regolamentazione impone al titolare di occuparsi della protezione dei dati personali già nella fase di progettazione del trattamento, secondo una griglia di principi e valori fornita dal legislatore europeo.

Di conseguenza non si tratta più, o meglio non solo, di sottoscrivere e conservare una serie di documenti, ma di individuare accuratamente tutte le componenti del trattamento muovendo da una mappatura dei rischi per l’interessato che questo comporta.

LINK